Vendita Quadri

Suicide Squad come Justice League?



Il lungometraggio dedicato alla leggendaria Suicide Squad uscito nel 2016, ha lasciato l’amaro in bocca a moltissimi fan della DC Comics. Un film talmente brutto che nemmeno la presenza di Will Smith è riuscita a salvare dalle critiche. Oggi però arriva la notizia, che è più una speranza, di una Ayer’s Cut, esattamente come è successo per la Snyder's Cut di Justice League.

 

Suicide Squad era un film completamente diverso

In una recente intervista, David Ayer regista di Suicide Squad, ha dichiarato che visto il successo di Justice League Snyder’s Cut spera in un’azione simile anche per il suo film. Ha raccontato, infatti, che l’originale stesura era ben diversa da quella che poi è arrivata sul grande schermo e che tanto ha deluso i fan.

Lui ha dichiarato di aver scritto e diretto una versione molto più “drammatica” e profonda, in cui i personaggi avevano molto da dire e trasmettere. Tuttavia, quando il prodotto era ormai finito, i vertici della Warner Brothers non hanno voluto rischiare. Hanno invece optato per affidare il film ad un’agenzia esterna, perché ne smussasse gli angoli per renderlo più leggero e divertente.

Purtroppo il lavoro svolto nel tentativo di imitare la concorrenza di Marvel (ed in particolare di Deadpool), è stato un catastrofico fallimento, che cozzava parecchio con l’idea originale di Ayer. Il regista ha comunque deciso di immolarsi sul patibolo della critica, prendendosi tutto l’astio dei fan, anche se quello che è arrivato nelle sale non era nemmeno lontanamente paragonabile al suo reale lavoro.

 

Un nuovo modo di proporre i film di supereroi

Potremmo essere di fronte ad un punto di svolta nel modo di portare al grande pubblico il genere supereoistico, ormai trito e ritrito. Sempre secondo il regista di Suicide Squad, sarebbe una buona idea presentare più versioni del medesimo film, in modo da accontentare tutte le tipologie di fan.

Se una tale realtà si verificasse, potremmo essere di fronte ad una nuova modalità di fruizione dei contenuti a tema supereroi, che magari potrebbe davvero rilanciare il genere. Tuttavia vi sono costi di produzione aggiuntivi, che avrebbero un grosso impatto su tale scelta. La Ayer’s Cut è per ora solo un’ipotesi, ma molti si sono detti a favore di tale soluzione.

Quello che Warner Brothers dovrebbe fare, forse, è provare ad osare di più. In fondo basta pensare al successo del Joker di Joaquin Phoenix per capire che ai fan, una storia più matura e drammatica piace. Non c’è bisogno di imitare quello che ha fatto la concorrenza per avere successo, e di certo i fumetti DC presentano da sempre tematiche più adulte rispetto a quelli Marvel.




Lascia un commento


Post correlati